Oggi ci troviamo qui su Racchettiamo per la recensione di non una ma bensì due racchette, la Head Graphene Zephyr 360 e 360 Ultra Light.

Vogliamo accorpare questi prodotti perché, sebbene siano leggermente diversi tra loro, le differenze sono minime rispetto alle similitudini.

Entrambe si rivolgono a un giocatore di padel semi pro, il quale cerca una racchetta dal grande potenziale ma a un prezzo tutto sommato moderato.

Andiamo insieme a scoprire quale di queste due fa al caso tuo e, invece, per quali ragioni potresti decidere di passare ad altri modelli.

A questo link invece, troverai le migliori racchette da padel!

Head Graphene Zephir 360

Recensione Head Graphene Zephyr 360 e 360 Ultra Light


Partiamo come sempre dai materiali, i quali donano longevità e capacità di resistere ai maltrattamenti alla racchetta, per poi passare alla forma che definisce il carattere per poi passare a una prova sul campo per definire limiti e potenzialità dell’attrezzo provato.

Se cerchi il tuo prossimo abbigliamento da padel, dai un’occhiata qui!

Head Graphene 360 Zephyr PRO
  • Racchette da padel - Peso senza incordatura in g : 365
  • forma della testa:
  • Profilo (mm): 38

I materiali

Entrambe le racchette sono fatte con gli stessi materiali, quindi non occorre fare particolari specificazioni.

Il telaio è in carbonio, materiale praticamente onnipresente su tutte le racchette dalla fascia intermedia a salire fino a quella pro.

Il rivestimento è in graphene, certamente una peculiarità di molte racchette della Head che lo utilizzano per migliorare la risposta durante il gioco e la qualità generale.

L’interno è in Power Foam, una gomma che sa dare quel pizzico di brio in più alle racchette alla quale viene applicata, migliorando l’uscita della pallina.

In generale, per la fascia di prezzo a cui ci troviamo, difficile trovare racchette da padel migliori di queste due in quanto a materiali.

SCONTATO!
Head , Zephyr UL 2022 Unisex...
  • Lo Zephyr Ultralight è leggero e versatile, per i giocatori intermedi e occasionali...
  • Tecnologia: Innegra
  • Peso: 340 g

 

La forma

Anche la forma è identica per entrambi i modelli, quindi anche qui ci limiteremo a fare un discorso unico che vale per i due prodotti.

Questa racchetta ha una forma della testa rotonda (qui la spiegazione del significato), che migliora il controllo e la maneggevolezza.

Una piccola parentesi va fatta sulle grafiche e i colori, i quali formano davvero un bellissimo connubio un po’ futuristico che rilassa molto gli occhi.

Da dire sulla forma c’è davvero poco altro, queste due racchette hanno uno stile molto classico che solitamente tende a pagare sul campo, ma ora è tempo di scoprirlo.

Head Graphene 360 Zephyr PRO
  • Racchette da padel - Peso senza incordatura in g : 365
  • forma della testa:
  • Profilo (mm): 38

 

Come vanno sul campo

Per cominciare la recensione sul campo parleremo della Head Graphene Zephyr 360, mentre la 360 Ultra Light la lasceremo per le battute finali.

Possiamo davvero dire che il controllo di palla con questa racchetta è ottimo, tanto da accompagnare anche i principianti verso un percorso d’apprendimento più facile.

La facilità con cui si maneggia e la sua precisione, sono un piacere per tutti coloro che amano la semplicità nelle giocate.

La forza che sprigiona non è altissima, ma buona a sufficienza per non sfigurare nel confronto con modelli a goccia.

E la Zephyr UL? Si potrebbe dire più o meno la stessa cosa, ma la sua grande leggerezza fanno di lei una vera e propria piuma piuttosto che una pala.

Si controlla con due dita e non affatica mai anche negli scontri prolungati, anche se qui la potenza cala ulteriormente rispetto al modello normale.

SCONTATO!
Head , Zephyr UL 2022 Unisex...
  • Lo Zephyr Ultralight è leggero e versatile, per i giocatori intermedi e occasionali...
  • Tecnologia: Innegra
  • Peso: 340 g

Se cerchi le migliori racchette Head o le migliori per principianti, le trovi qui.

 

Conclusioni


Durante questa recensione, sia la Head Graphene Zephyr 360 che la 360 Ultra Light hanno passato l’esame a pieni voti, ma resta una piccola parentesi da fare.

La sensazione alla mano, seppur la differenza di grammi tra le due sia di una manciata, si sente e non poco.

Quindi chi ama attrezzi più corposi, dovrebbe dirigersi sulla versione classica mentre, chi preferisce maneggevolezza assoluta, la versione UL.

Spero di averti aiutato a scegliere il tuo modello e che tu voglia condividere l’articolo con i tuoi amici padellisti alla ricerca della prossima racchetta.