Cari seguaci di Racchettiamo, oggi vogliamo portarvi alla scoperta di una delle racchette più importati e di alto livello presenti sul mercato nella recensione della Babolat Technical Veron.

Questo modello è pensato per giocatori professionisti, semi professionisti o per principianti ai quali non importa spendere un capitale per la loro prima racchetta.

Babolat è un marchio leader del quale siamo sempre rimasti molto soddisfatti, cosa che ci auguriamo accada anche alla fine di quest’articolo.

Ma ora bando alle ciance, la Babolat Technical Veron è pronta per la nostra recensione quindi non facciamola aspettare!

 

babolat technical veron

Recensione Babolat Technical Veron


Come da classico stile di Racchettiamo, andremo a vedere alcuni punti che per noi sono fondamentali come la forma, i materiali e il comportamento sul campo della pala. In questo modo ti forniremo tutte le basi per scegliere se la tua prossima racchetta sarà questa o un’altra.

Se cerchi il tuo prossimo abbigliamento da padel, dai un’occhiata qui!

La nuova versione 2022

La recensione l’avevamo fatta a suo tempo per la versione precedente della Technical Veron ma, nel 2022, è uscita la nuova.

L’abbiamo provata e, a conti fatti, abbiamo notato delle piccole migliorie generali, come una migliore sensazione di “premium” racchetta alla mano.

Oltre a questo abbiamo trovato il modello 2022 leggermente più maneggevole e reattivo durante il gioco, ma è una differenza che si nota sulle partite lunghe o provando entrambe le racchette una dietro l’altra.

Per il resto la vecchia e la nuova versione sono estremamente simili, con una grafica e dei colori nuovi.

Abbiamo deciso di scrivere questo paragrafo per sottolineare le differenze ma, oltre a questi piccoli dettagli, resta valido tutto quello che avevamo scritto sul vecchio modello.

Per questa ragione, ti lascio con la nostra recensione del modello Technical Veron, buona lettura!

 

I materiali

Come da copione, la struttura tubolare è in fibra di carbonio, classico materiale che troviamo su tutte le racchette di un certo livello.

La faccia invece, è di un misto tra la fibra di carbonio e la vetroresina, in una combinazione che la casa produttrice ha chiamato carbon flex.

Questo tipo di mescola dovrebbe congiungere l’elasticità della fibra di vetro con la rigidità del carbonio, prendendo il meglio dalle 2.

All’interno troviamo la gomma Black EVA, un tipo non certo comune a molti modelli che scopriremo più avanti in che modo influisce il gioco.

Sui materiali davvero niente da dire, Babolat non ha lesinato e ci ha pienamente soddisfatti sotto quest’aspetto.

 

La forma

Trovandoci di fronte a una racchetta da pro molto aggressiva, non ci sorprende affatto la scelta di design con la quale è stata costruita.

La forma è a diamante (qui la spiegazione) con un bilanciamento fortemente spostato verso la punta, in modo da generare una forza molto elevata.

Tutto quello che abbiamo visto fin’ora, punta nella direzione di una racchetta piuttosto difficile da domare, ma spesso la teoria inganna.

Per scoprire come funzionano tutte queste componenti, non ci rimane altro da fare che buttarci in una bella prova sul campo.

 

Come va sul campo

Potenza, potenza e ancora potenza, questo grida Babolat nel suo design è le fa eco la Techinical Veron appena scende in campo in questa recensione.

I colpi in uscita sono sempre di una forza elevatissima, ma senza mai percepire quella rigidità tipica delle racchette full carbon.

La fibra di vetro si sente e conferisce quel pizzico d’elasticità che non guasta mai, ma non bisogna farsi ingannare.

Questa racchetta risulta talvolta davvero punitiva se non la si controlla al meglio, scaraventando pallate a fondo campo.

Se in passato abbiamo visto racchette adatte sia ai pro che ai principianti, la Tecnical Veron non è una di queste, quindi regolati di conseguenza.

Il consiglio è quello di acquistarla solo se si è almeno padelisti di fascia intermedia, sicuramente non prima del primo anno sui campi.

Se invece vuoi leggere la recensione della serie Viper (quella Pro di Babolat) o le migliori racchette Babolat, le trovi a questi link.

A questo link invece, troverai le migliori racchette da padel in assoluto!

Conclusioni


La Babolat Technical Veron ha dimostrato in questa recensione di essere davvero un puledro selvaggio che scalcia forte e non vuole farsi domare.

Certo, per chi da del tu alla racchetta non ci saranno mai troppi problemi, ma per gli altri potrebbe venire presto la voglia di passare a un modello adatto al controllo.

In generale possiamo promuovere a pieni voti questa pala, essendo ottima per i pro, quindi la nostra votazione resta molto positiva.

Speriamo di averti aiutato a decidere in merito a questa racchetta e che tu voglia condividere il nostro articolo nel tuo gruppo di padel:)